Tu sei qui

Villa Medicea di Cerreto Guidi e Museo storico della caccia e del territorio
25
Fast track Con prenotazione obbligatoria
Dichiarata dall'UNESCO Patrimonio mondiale dell'Umanità nel 2013, la Villa fu edificata per volontà di Cosimo I de’ Medici tra il 1564 e il 1567 come residenza di caccia e presidio territoriale nei pressi del Padule di Fucecchio. I lavori furono affidati a Davide Fortini e, successivamente, a Alfonso Parigi il Vecchio. Ciò che rende la villa unica e inconfondibile è la presenza delle quattro maestose rampe di scale simmetriche, denominate “ponti medicei”, uno scenografico basamento tradizionalmente attribuito a Bernardo Buontalenti, che svolge la funzione di supporto del terreno e innalzamento del piano prospettico. La villa deve la sua fama anche alla tragica vicenda di Isabella dei Medici, la bella figlia di Cosimo I e di Eleonora da Toledo, secondo la leggenda strangolata da sicari inviati dal marito geloso, il duca Paolo Giordano Orsini, ma in realtà morta per un malore. All'interno sono esposti ritratti della famiglia Medici, arredi di varia epoca e una selezione di opere provenienti dall’eredità dell’antiquario Stefano Bardini. Al primo piano è allestito, dal 2002, il Museo Storico della Caccia e del Territorio che ospita una raccolta di armi, principalmente da caccia e da tiro, dei secoli XVII-XIX.

Orario


Note di accesso

Prenotazione obbligatoria gratuita chiamando il numero  +39 0571 55671 o  inviando un'email a  info@prolococerretoguidi.it. Max 6 persone per gruppo.

Obbligo mascherina.

Misurazione della temperatura.

 

Accesso facilitato

Parzialmente accessibile

Photo gallery

Clicca per ingrandire